All’Ombra del Borgo 2019 – EN version

All’Ombra del Borgo is a new event format organized by Vinoway Italia in collaboration with the municipality of Borgo Valbelluna, in the province of Belluno.
This year the first edition took place, renamed by the President of Vinoway Italy, Davide Gangi, we were guests “of the numeber 0 edition” then edition that opens the vision for next meetings.

The location chosen was not random, but deliberate, as the great metropolis was not able to scrape together thousands of winelowers, but a small village (entered in the ranking of the Most Beautiful Villages of Italy, according to the Italian Touring Club) in the province of Belluno. Its name is Borgo Valbelluna, born from the union of several municipalities, including Mel, the municipal seat.
This has meant that the real public in search of slow agriculture naturally approached the event, deliberately omitting those who were looking for something else.
The protagonists of this year are the PIWI, a registered name of German origin (the first were produced by the University of Friborg), to indicate the vines that are the result of crossbreeding to produce a plant resistant to the typical pathologies of the vine.
This thing garantigues to reducte a lot the treatments to the vine during the year, and it’s possible produce organic wines from lands, where with the other grape varieties, the farmer it’s often forced to use the chemistry.
A masterclass with this vine varieties was the protagonist of the first day, that was explained by two winemakers, Nicola Biasi, specialist in this tipe of wines and Umberto Trombelli, famous for his collaborations and his mentor, Giacomo Tachis, the father of Sassicaia. We tasted some wines that are produced in the Northern Italy, in different years. These are my tasting notes:

Brut Derù 2018 – Az. Croda Rossa  (Solaris 100 %)
White sparkling wine from Solaris grapes, made with Charmat method. It’s pale straw yellow with greenish reflections. The nose is typical of a bread crust, although it is generally not very expressive. Then it opens for a moment to notes of pear and green apple. Probably served at a lower temperature than necessary.
In the mouth the bubble is very fine, the wine is fresh fruity and ends with notes of pastry.

Brut Solaris Augusta Altinate 2018 – Az. Dorgnan (100% Solaris)
White sparkling wine made with Charmat method. Pale straw yellow.
Interesting nose notes: golden apple / quince,
nectarine peach tending to tropical. On the palate I felt the freshness with a good level of acidity, but it is fresher than salty. The fruity notes are present but the wine is based more on acidity than on aromas

Il principe di Mel 2018 – Az. Giuliano Menel (100% Solaris)
Sparkling wine made with Charmat Method, long version.
The nose was empty at the start of the tasting, but if waited some minutes you could discover some notes of ginger. In the mouth was typical, but you could find a hint of acidity. Probably I tasted the wrong bottle of the lot.

Case lunghe 2018 – Az. Agricola Filippo De Martin (80% Bronner + 20% Solaris)
A non-typical sparkling wine, because the grapes are picked in light over-ripening to concetrate the substances that are content in. At the smell it has fumé notes (probably produced by the noble type of the Botrytis cinerea), with notes of apricot, melon. The colors is pale straw yellow. The wine it’s elegant; it has vanilla-lemon notes.

Cerealto Bianco 2017 – Az. Terre di Cerealto (60% Johannitter + 40% Bronner)
A white produced from grapes that are cultivated over 700 meters over the sea, in the province of Belluno, near the Dolomites. Here the soil it’s volcanic, rich in minerals, and the wine shows this feature. The colour it’s pale straw yellow, but I remind the wine for its notes of  candied fruits, like cedar and other citrus fruits and spices with a lot of mineral flavour in my mouth.

Limine 2017 – Az. Terre di Ger (Soreli 90% + Sauvignon Kretos 10%)
Soreli it’s a variety made with a crossing acitivity on the Friulano, by the partnership of University of Udine and Rauscedo Cooperative Plant Nurseries. It’s made also with a maturation for sixs months on its yeasts. The colour is pale straw yellow, and I can smell notes of elder flowers, peach, incense, vanilla and oak wood-like notes. It’s an interesting wine at the nose, and the mouth confirms these sensations.

Vin De La Neu 2016 – Nicola Biasi Winery (100% Johannitter)
A wine produced in a very little number of bottles and from a vineyard that is located at 1000 mt over the sea into the mountains of Trentino – Alto Adige, in the North of Italy. The colour is pale straw yellow, but at the smelling test has a rich complex of notes (spices, vanilla, balsamic resin), because the production from a vine it’s only 0,5 kg of grape.

Rukh 2017 –  Cantina Nove Lune (50% Johannitter + 50% Bronner)
It’s an orange wine made with the well-know technique which consist in macerating the marc during and after the alcoholic fermentation, for almost 2 months. The colour reminds the brandy, but it has notes like a dried grape wine (dried fruit, for example apricot, cedar, orange, bergamotto). An unusual wine, made with a non conventional wine style, but I like the result!

El Masut 2017 – Terre di Ger (Merlot Khantus 50% + Merlot Khorus)
A Bordeaux-like style wine but made with two different types of Merlot from PIWI selection. The wine has a purplish colour; but a the nose you can feel notes from cherries and blueberry jam and vegetal notes, typical of this variety. In adding, you can feel spices notes, like sandalwood and star anise.

Raboso dell’Arnasa (Raboso Piave P.D.O.) 2015- Castello di Roncade (100% Raboso piave)
Why the Vinoway choosed the Raboso piave for this tasting? Who made this wine, Umberto Trombelli, said that this variety it’s a good base to make a PIWI variety because it can resists a lot of plant diseases.In the glass it’s red with a tending to brick red.The tasting notes are typical for this variety: fruity notes, like blueberry, cherry, marasca, currant and spices, with a bit of tobacco and cocoa.

Sweet Claire 2017 – Lieselehof (100% Bronner)
Wine made from dried grapes, with an incredible orange colour. It has a bit of sugars that are not transformed into alcohol, but there are into a texture where they mix very well with the parfum notes.  On the nose I felt notes of tropical fruits, like dried cider, fig and candied mango. In the moth the acidity was well present and gave the right balance to the wine.

Copyright: Photo VinoWay Italia ® – Texts: Matteo Ghirardo (VinoeGusto)

#youngtoyoung, il racconto continua

Da dx a sx: Giacomo Centanni, Elena Casadei e i fratelli Giraldi. Segue poi Marco Gatti che conduce la degustazione.

Le degustazioni del programma “Young To Young” di Paolo Massobrio, direttore del Golosario e di Marco Gatti, giornalista del vino, mi vedono nuovamente protagonista per una seconda puntata.  Oggi vi voglio presentare la sessione del martedì, che ha visto protagonisti giovani imprenditori del vino, chi si è inserito nell’azienda di famiglia, chi invece ha deciso di prendere spunto da quanto già fatto mettendoci del proprio, portando in ogni caso delle novità…

Il Pecorino di Giacomo Centanni. Giacomo è uno dei giovani nuovi imprenditori del vino  in Italia, che ha deciso di investire nella propria terra, le Marche per produrre vino.
L’azienda è storica per la produzione di uve da oltre cento anni, quindici anni fa invece ha deciso di investire per produrre vino con un proprio marchio. In quel momento Giacomo stava studiando enologia e ha iniziato la produzione. Ha portato quindi la novità: ha trasformato l’azienda da venditrice uve a produttrice di vino. La produzione, oggi, raggiunge le 150 mila bottiglie, tutte certificate biologiche dal campo al consumatore, e soprattutto prodotte solo con uve proprie.
Fin da subito si mostrano pionieri nella propria realtà: usano il tappo in vetro, già affermato all’estero ma poi diffusosi grazie a loro anche nelle Marche.
Cosa da non dimenticare: l’azienda è a conduzione familiare, solo i componenti ci lavorano, infatti il loro slogan è “vini di famiglia”.
Il vino che ha portato in degustazione è un Pecorino, vino bianco tipico della zona di Asoli Piceno, dove risiede anche il suo produttore. E’ di un bel giallo paglierino scarico, ma quello che colpisce di più sono le sensazioni odorose e gustative: al naso è fresco, sa di primavera,  fiorito e fruttato. Migliora ulteriormente in bocca regalando sensazioni di freschezza, fiorite e di frutta che invogliano a berne a calici ripetuti.

La storia di un sogno nato per caso, si potrebbe definire così la storia di Elena Casadei. Ma un sogno non nasce mai per caso. Succede infatti, che per pagarsi un viaggio vacanza all’estero ha deciso di lavorare in una delle tenute di famiglia come molti giovani per guadagnarsi la propria indipendenza economica. E in quell’occasione si è innamorata vino. Lei che voleva fare ingegneria gestionale all’università perché innamorata dei numeri. Ha inizialmente imparato dagli enologi come si produce, “rubando letteralmente con gli occhi” e poi ha portato una novità sostanziale in azienda, riflettendo con il papà produttore di vino e con esperienze da consulente in giro per il Mondo, tra cui Georgia e Azerbaigian, patria del vino in anfora.
Iniziano così le prime prove di vinificazione in anfora ed Elena non sta solo a guardare, impara “sporcandosi le mani”,  ma con il vino non sono mai mani sporche, ma piuttosto mani piene di dignità di lavoro.
Il vino che porta il nome di Elena è infatti vinificato solo in anfora ed è una selezione che lei fa personalmente sulle migliori, il resto delle quali invece va a finire in percentuali variabili nei vini delle tenute di famiglia.
Le aziende sono tutte a conduzione biologica certificata, così come il vino, seguendo un protocollo interno per la produzione di vino “biointegrato”: le oche e le pecore si occupano degli sfalci lungo i filari e non viene usato il trattore per le lavorazioni, al posto c’è infatti il cavallo che traina attrezzi nuovi ma allo stesso tempo tradizionali.
L’uso dell’anfora si sente tutto: il vino in degustazione è un Syrah proveniente da Suvereto, in Toscana, terra di Supertuscan, ma prevalgono le note di frutta fresca, piuttosto che quelle balsamiche in un calice rosso rubino intenso, poi si alternano frutti di bosco, ciliegia, fragola di bosco. La beva è fresca, lunga, i tannini sono leggeri e setosi.

Nota extra: Elena produce anche uno stupendo metodo classico bianco da uve Chardonnay, Trebbiano e Sangiovese, che se siete d’accordo ne parliamo più avanti….
Cosa dici Elena di farci assaggiare anche questo?

L’ultima ma non per importanza (ci mancherebbe) è l’azienda Giraldi & Giraldi, unica nel suo genere perché presente nel territorio di Cosenza a produrre vino, nel comune di Rende. La produzione attuale è di circa 60 mila bottiglie, frutto del lavoro di 10 ha di proprietà su cui sono piantate 5000 piante/ha, coltivate con metodo biologico, vista anche l’altitudine di circa 500 m slm.
La produzione è focalizzata principalmente su vitigni locali, distribuita anche su un vino bianco, ottenuto da Greco bianco e Chardonnay  e un rosato, prodotto con Magliocco e Greco nero.
Il vino in degustazione, denominato “I Monaci” è della varietà Magliocco, prodotto nel 2016
La vinificazione prevede fermentazione e affinamento solo in acciaio, senza i raspi.
Già appena versato si nota la nota violacea, quasi granata che lo contraddistingue, poi avvicinando il naso al bicchiere si percepisce la profondità, tra note di prugna e speziatura. La bocca è calda, piena, setosa, giustamente acida, persistente. Viene voglia assaggiarne più bicchieri man mano che si ossigena il vino ruotando il bicchiere.

#youngtoyoung, un dialogo tra giovani

L’ordine di degustazione va da destra verso sinistra. Copyright VinoeGusto

Youngtoyoung. Un dialogo.

I giovani blogger del vino (come il sottoscritto) raccontano i giovani produttori del vino. Chi proveniente da una famiglia di produttori di vino, chi si cimenta per la prima volta nella produzione del vino.

Quella che sto per raccontarvi è la seconda giornata di questo progetto che mi coinvolge come VinoeGusto.

Oggi infatti ho potuto conoscere dei produttori di vino, giovani come me, che però hanno si forse l’inesperienza tipica di chi si cimenta per la prima volta in prima persona in nuova professione, ma anche la voglia di fare che solo la gioventù porta con sé.

Vi voglio allora accompagnare come un narratore alla scoperta di questi giovani, ma a mio modo di vedere, produttori di vino.

Iniziamo con l’Oltrepò Pavese interpretato dall’azienda Quvestra, di cui la prima lettera Q sta ad indicare la ricerca della qualità e Vestra vuole richiamare la zona della valle della Versa.
Credono molto sullo storytelling, per cui la presenza a questo evento è particolarmente ricercata: il vino venduto al supermercato non cede le stesse emozioni che vedere dove si produce. A tal proposito c’è anche un’attività di hospitality presso la sede aziendale.
Attualmente la produzione, focalizzata su un Pinot nero rosé spumante metodo classico “Zephiro”, come quello in degustazione raggiunge le 30 mila bottiglia anche se l’obiettivo prossimo sarà di arrivare a 50 mila.
Si presenta rosato, colore buccia di cipolla, con un naso fresco, beverino e note di piccoli frutti rossi di bosco, a tratti anche balsamico con sfumature a ricordare i petali di rosa. La bocca è acida, ma non eccessivamente, armonica e conferma i frutti rossi (ciliegia soprattutto). Lo zucchero residuo del vino dopo la sboccatura non si percepisce eccessivamente (per i più curiosi sono 5,5/6 gr./lt)

Il secondo vino in degustazione è invece dell’azienda “Quarta Generazione”, prodotto da Giovanna Paternoster, giovane donna del vino lucana, proveniente da un’esperienza nell’azienda di famiglia, che nel 2016 ha deciso di ripartire con un progetto proprio dopo la vendita di quest’ultima ad un importante gruppo vinicolo veneto.
La superficie aziendale è di soli 3 ha, ma allo stesso degni di nota perché situati nel comune di Barile (Potenza), cru dell’Aglianico, da cui si producono ora 20 mila bottiglie. Già quando viene versato nel bicchiere è sinuoso, elegante, a sottolineare l’importanza di questo vino.
I progetti futuri non si fermano qui perché ci sono investimenti sul Fiano, uva tipica anche della Basilicata.
Ma torniamo a noi…com’è questo Aglianico del Vulture 2013?
Il colore è rubino, a tratti quasi granato. Le note sensoriali poi si amalgamano molto bene e sono di ciliegia molto matura, fava di cacao, tabacco, caffè tostato. In bocca è elegante, pieno, con un tannino che accompagna tutta la beva.

L’ultima azienda, nasce per amore. Come poteva non essere di meglio visto che si tratta di Amarone, quindi di Valpolicella, e cioè di Verona, città che ha visto protagonista la vicenda di Romeo e Giulietta che gli innamorati di tutto il mondo vogliono rievocare in proprio per celebrarne il racconto?
La storia d’amore è quella di due fidanzati, lei proprietaria dei terreni, oltre che enologa, e lui figlio di ristoratori. Decidono di unire le proprie forze per condividere quella che non è solo una passione in comune, ma un progetto di vita insieme a tutti gli effetti: creare l’azienda “Tamasotti”.
Situata nella zona più a est della Valpolicella, a Mezzane di Sotto (Verona), è anche agrituristica con ristorazione e accoglienza nei locali aziendali dove sono serviti solo prodotti culinari di propria produzione, puntando molto sull’enoturismo. Anche qui la superficie vitata è limitata, ma la produzione di vino si articola tra il Valpolicella Superiore e l’Amarone, cercando il “vino di territorio”, riconoscibile per le sue uniche caratteristiche.
L’annata in degustazione è la 2014: il colore è rubino granato profondo. Il naso è di marasca, vaniglia Bourbon, cacao, frutta matura, con cenni di menta. In bocca è armonico, il residuo zuccherino è basso proprio per scelta aziendale. Il glicerolo presente contribuisce a dare quella sensazione di pienezza e rotondità ad un vino che ti mette voglia di berne più calici ripetuti per capirne nel tempo l’evoluzione nel bicchiere.

Il mio preferito? Prima sono curioso di sapere quale preferite voi 😉

Io sono molto indeciso a dirvi la verità, perché sono tutte storie molto avvincenti, nelle quali giovani come me, o con qualche anno in più al massimo si sono messi in gioco (anche se poi trattasi di una sfida, perché lavoro) con la voglia di valorizzare un prodotto del loro territorio e di voler condividere la propria idea di “vino di territorio” con quante più persone nel globo. Perché se il vino non è condivisione, cos’è?

Il suono morbido di un sughero che viene stappato dalla bottiglia ha il suono di un uomo che sta aprendo il suo cuore.
William S. Benwell

 

Non sono andato a #CalicidiStelle e vi spiego il perchè

Questo come ormai avete intuito da tempo (almeno per chi mi segue da almeno un anno) è il periodo in cui pubblico i post di eventi  successi durante l’estate, poichè non avendo chissà quante persone ad aiutarmi nella redazione di post e chissà quanto tempo, perchè molto lo spendo per studiare all’università, il vino, ma pur sempre per studiare.

Si ci metto un pò perchè preferisco scrivere pochi post che però facciano riflettere chi mi legge piuttosto che tanti buttati forse all’aria che non lascino alla fine niente di cui parlare, anche offline senza commentare il post.

Perchè non sono andato dunque a Calici di Stelle  quest’anno?

Perchè purtroppo a mio avviso, avendo visto più di qualche edizione da quando studiavo già alle superiori (almeno nella zona in cui abito) non è un’occasione per le aziende per farsi conoscere ma è diventata sempre più negli anni una sagra del vino, dove le persone vanno tanto perché si beve e per fare festa (che a volte degenera in brutte situazioni che non sto qui a raccontarvi), mentre le aziende (questo è quello che ho capito) vanno non tanto per farsi conoscere ma tanto per esserci, spesso portando la base della gamma (vista la tipologia di pubblico non c’è da meravigliarsi) e con cui non c’è possibilità di poter parlare perché l’unico impegno è quello di riempire i bicchieri e ritirare i tagliandini. Vista una, viste tutte? Ancora non lo so e spero vivamente di no. Della serie che ho piacere di essere smentito ad un’altra edizione in giro per l’Italia.

Nota a margine: la didascalia dell’immagine che avevo messo per un vecchio post è la seguente: “La comunicazione del vino parte dal produttore, fino al servizio. Molte volte l’anello debole della catena è proprio l’ultimo”, ma penso che altrettanto attuale per questo post.

Credits per l’immagine: Giornaledelcibo.it

Carraresiwine ’17, un successo parziale

Post scritto a distanza di poche ore dalla fine da Carraresiwine, evento enogastronomico organizzato a Treviso a Casa dei Carraresi, nota sede di mostre di caratura internazionale per quanto riguarda l’arte, ospitando negli anni dipinti di Monet, Manet, Gaguin, anche presi in prestito da musei di tutto il mondo.
Carraresiwine, vuole pertanto offrirsi come evento durante il quale l’arte dei quadri e delle opere esposte fa da cornice alle degustazioni degli ospiti della manifestazione enogastronomica, che coinvolge principalmente aziende del trevigiano, allargandosi anche alle altre province del Veneto, e grazie all’attività di due distributori di vino di spessore, anche vini provenienti dall’Estero.
Quello che non mi ha convinto, avendo presenziato anche l’anno scorso, prima edizione e dunque di rodaggio per l’organizzazione è proprio l’organizzazione stessa dell’evento. Mi spiego meglio: nonostante le degustazioni guidate organizzate (di cui ho saputo abbia fatto particolare successo quella con il vino rosso prodotto nella Diesel Farm di Renzo Rosso), non c’è stata l’affluenza che mi aspettavo, trovando anche banchi di degustazione vuoti durante la giornata in cui sono andato.
Per di più, parlando con qualche produttore, mi è stato detto che non c’è stata tanta affluenza nemmeno nella giornata inaugurale di sabato, dove durante la quale i trevigiani avrebbero potuto andare e degustare i vini e spargendo poi la voce dell’evento. Oppure ci sono andati e delusi, hanno consigliato di non andare. Anche perché “gira e rigira gli eventi” le aziende sono spesso le solite, con i grandi nomi, che avendo anche maggiori risorse da investire in pubbliche relazioni sono praticamente dovunque.
L’anno scorso in effetti l’affluenza c’è stata il sabato pomeriggio, ma a questo punto devo pensare più a un caso di curiosità che altro, non essendosi ripetuta la cosa.
Il problema riscontrato da questi produttori è proprio l’insufficiente pubblicizzazione dell’evento, la non scelta di partner stampa adeguati, a rendere remunerativa anche la presenza delle aziende produttrici.
Quindi, organizzatori dell’evento, se avete bisogno di consigli contattatemi: l’indirizzo email è vinoegusto.blog@gmail.com, che di consigli ne ho da darvi.

Nota a margine: centrata davvero la collaborazione con i ragazzi e i docenti dei corsi di ristorazione e di sala dell’Accademia Dieffe di Valdobbiadene, che hanno presentato anche il “pan da vin” interpretazione, brevettata, di una tipologia di pane sviluppata per agevolare la degustazione del vino senza disturbarne la percezione organolettica.

Credits: immagine – fonte: Carraresiwine.com, testo: Matteo Ghirardo

300% Wine Experience 2017: la musica in abbinamento al vino?

Qualche tempo fa siamo andati al 300% Wine Experience, uno degli eventi enogastronomici di fine inverno più importanti di tutto il Veneto, organizzato da AIS Veneto, delegazione regioale dell’Associazione Italiana Sommelier, in quel di Villa Emo a Fanzolo di Vedelago (TV).
Cento aziende del Veneto hanno portato in degustazione le loro tre etichette più rappresentative ed importanti.
L’evento è stato inaugurato dal convegno “Il vino che si sente” nel salone principale della villa al quale sono intervenuti i alcuni ospiti moderati da Domi Grande: Bruno Boveri, speaker radiofonico di programmi sul vino; Guido Zaccagnini, professore di musica al conservatorio di Roma; Marco Aldegheri, presidente AIS Veneto; Albino Armani, vignaiolo che accompagna l’intera filiera di produzione del suo vino con la musica; Paolo Scarpellini, giornalista sommelier.

Da sx verso dx i relatori: Albino Armani, Guido Zaccagnini, Bruno Boveri, Marco Aldegheri, Domi Grande, Paolo Scarpellini.

Il convegno, bello e interessante, aperto dall’intervento di un brioso Zaccagnini, ma protrattosi oltre i limiti personali di sopportazione temporale della maggior parte degli ascoltatori, ha subito un progressivo abbandono della sala. La causa forse è da ricercare nella voglia di iniziare il percorso enogastronomico all’interno della villa, ma i relatori, probabilmente hanno una risposta. Ovvero se ci leggete, diteci cosa possono aver pensato coloro che se ne sono andati in anticipo.

Ben rappresentate tutte le zone viticole del Veneto con ovviamente, il vino più in voga del momento, il Conegliano e Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG, alternato tra altre grandi denominazioni anche all’Estero: Valpolicella, Colli Euganei, Monti Lessini, Soave, Lison.
Ma non solo vini; infatti, numerosi sono stati i prodotti tipici della gastronomia veneta in degustazione: una vasta proposta di assaggi dell’arte salumiera, formaggi, olio e i prodotti di pasticceria.

Una splendida giornata quella trascorsa dallo team di VinoeGusto all’interno dello splendido parco di una delle ville Palladiane più compiute. Un augurio di buona continuazione per gli anni venturi di questo splendido evento che riesce a trasmettere con tanta energia la passione per le grandi produzioni eno-gastronomiche Venete a tutti gli enofili, siano essi tecnici o semplicemente appassionati di questo straordinario mondo.

Si ringraziano gentilmente l’agenzia Gheusis  e AIS Veneto per la gentile concessione delle foto qui pubblicate.