I cru di Allegrini in degustazione

Assaggiare i vini di Allegrini non capita proprio tutti i giorni, poi vuoi mettere che a condurre la degustazione c’è un certo Eddy Furlan, enotecnico, enologo e sommelier AIS con anni alle spalle di esperienza, nonchè ristoratore, è una coincidenza che non si presenta tutti i giorni. Abbiamo deciso quindi di condividere con voi la nostra esperienza, una sorta di  viaggio con i vini all’interno della Valpolicella

allegrini_home
Storia aziendale
Quella di Allegrini si tratta di un’azienda antica, già presente nel comune di Fumane (VR) dal 1600. Il padre degli attuali proprietari (Marilisa e Franco), Giovanni, è colui che ha apportato i maggiori miglioramenti in azienda: l’affinamento delle tecniche viticole con il passaggio dalla pergola trentina al Guyot; l’acquisto di alcuni vigneti come quello de La Poja, da cui nasce l’omonimo vino; l’affinamento delle tecniche enologiche e soprattutto quelle riguardanti l’appassimento e la vinificazione. Marilisa e Franco continuano l’attività intrapresa dal padre: la prima è impegnata come responsabile marketing, il secondo come head winemaker.

La zona
La Valpolicella è una zona dal clima caldo, quasi mediterraneo, per una superficie 6.000 ha che rappresentano una perla enologica italiana e mondiale. I terreni sono generalmente caratterizzati da una tessitura di medio impasto e calcarei. I vitigni tipici sono Corvina, Corvinone, Rondinella, Oseleta e in minima parte la Molinara, considerata meno nobile. La Corvina è una tipica varietà a maturazione tardiva, con acini ricchi di pruina. La Rondinella apporta intense note di frutta matura. Il Corvinone apporta robustezza e complessità gustativa.

I vini in degustazione

allegrini-palazzo-dellatorre-2-21760

“Palazzo della Torre” IGT Veronese 2012
Uvaggio: Corvina veronese 70%, Rondinella 25%, Sangiovese 5%
Descrizione: la vendemmia è divisa in due fasi: la prima, per le uve destinate all’appassimento, avviene intorno al 10 di settembre; la seconda, per le uve destinate a vinificazione immediata, è svolta nei primi giorni di ottobre. La prima vinificazione avviene quindi per il valpolicella base. Il vino, una volta svinato, attende di essere unito alla massa di pigiato ottenuta dalle uve passite nella seconda metà di dicembre, e subisce una seconda fermentazione. Affinamento di 15 mesi in rovere di 2 passaggio e 7 mesi in bottiglia.
Degustazione: il vino presenta una bella struttura, consistenza ed estratto elevato, riflesso di un’annata, quella del 2012, calda e soleggiata. Intensa la tonalità di colore rosso rubino con riflessi tendenti al granato. L’olfatto è importante, persistente con note fruttate di susine, prugne rosse, floreali, pennellate di ciclamino viola, erbe aromatiche e rabarbaro.  Attacco in bocca deciso, dai toni morbidi, con tannini rotondi e dolci e notevole sapidità. Fresco ed equilibrato.

la-grola-allegrini-3
“La Grola” IGT Veronese 2012
Uvaggio: Corvina veronese 90%, Oseleta 10%
Descrizione: l’uva non subisce appassimento, bensì, una volta vendemmiata è subito ammostata e la fermentazione avviene in acciaio. Il vino è subito posto in barrique di rovere francese di secondo passaggio per la fase di affinamento per 16 mesi.
Degustazione: anche in questo caso la fittezza della matrice polifenolica rappresenta il frutto di un’annata particolarmente favorevole. Si presenta floreale e fruttato: rosa essiccata, note di mora, lampone maturo, fragolina di bosco e mirtillo. Poi l’evoluzione: foglia di tabacco, note tostate di caffè, polvere di cacao amaro. Bella complessità, elegante, pieno e persistente. Tannino smussato e rotondo, leggera sensazione amaricante di polvere di cacao in bocca, frutti di bosco in confettura, cioccolato fondente.

allegrini-amarone-classico-2

Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2011
Uvaggio: Corvina veronese 90%, Oseleta 5% e Rondinella 5%
Descrizione: la raccolta delle uve avviene a fine ottobre. Appassimento in fruttaio fino alla seconda metà di dicembre. Vinificazione in acciaio e successivo affinamento in rovere di 1 passaggio per 18 mesi.
Degustazione: colore rosso granato con riflessi lievemente aranciati sintomo di un perfetto affinamento ed evoluzione. A naso: piccoli frutti sotto spirito, fiori di rosa sbocciata che sta per appassire; poi il balsamico, erbe aromatiche, rosmarino, e l’evoluzione, cioccolato, cacao, tabacco essiccato da pipa. In bocca molto ampio, rotondo, con tannino perfettamente ammorbidito. Vino secco, asciutto, che stimola la salivazione, grazie alla sua sapidità. Vino caldo, morbido e austero allo stesso tempo.

lapoja
La Poja 2010 IGT Veronese
Uvaggio: Corvina veronese 100%
Descrizione: il vigneto dal quale le uve derivano è considerato uno dei più belli della Valpolicella, acquistato circa 40 anni fa dal fondatore Giovanni Allegrini. L’appassimento è condotto direttamente in vigna; le uve, una volta raccolte, vengono diraspate e fermentate in acciaio. La fase di affinamento è condotta in barriques per un periodo non inferiore ai 20 mesi.
Degustazione: a naso un fruttato pieno di confettura e frutti canditi. Spezie ed erbe aromatiche, pepe rosa appena sfumato, vaniglia, cioccolato, liquore, fiore di tiglio, maggiorana. Vino complesso, racchiuso in veste molto elegante. Sorso importante pieno e deciso. Ampi sono i margini di affinamento, in quanto il vino risulta ancora tendenzialmente giovane, ma con tannini complessi, caldi che conferiscono pienezza e persistenza gustativa.

recioto-allegrini

Giovanni Allegrini, Recioto della Valpolicella DOCG 2011 “Dedicato a Walter”
Uvaggio: Corvina veronese 80%, Rondinella 15%, Oseleta 5%
Descrizione: Vino dedicato a Giovanni, fondatore dell’azienda, che lo ha eletto come suo preferito. Vendemmia a metà settembre e appassimento in fruttaio fino alla seconda metà di gennaio. Vinificazione in acciaio e affinamento in legno per 14 mesi.
Degustazione: colore rosso granato fitto ed intenso. Roteando il bicchiere si formano degli archetti fittissimi con gocce pigre e lente a scendere. La ricchezza olfattiva è massima: piccoli frutti canditi ed appassiti, confetture speziate, note balsamiche e mentolate. Torta sacher, Aftereight, tabacco dolce da pipa, cacao e cannella. In bocca è un gioco tra dolcezza e tannicità che si risolve in un equilibrio perfetto. È il tipico vino passito da meditazione da bere anche da solo e da soli. Può essere abbinato con pasticceria al burro, con formaggi a pasta dura e confettura di frutti di bosco.

Conclusioni

In tutti i vini di Allegrini, sempre bassissimo il residuo zuccherino, e anidride solforosa ampiamente sotto ai limiti legali. Vini non stucchevoli e ben bilanciati.